Il Metodo Feldenkrais® è un sistema di educazione somatica, in cui l’individuo si auto-educa e dirige i suoi cambiamenti al fine di far riaffiorare dall’interno di sé stesso quello che ogni organismo possiede e già conosce, grazie a milioni di anni di evoluzione.

Il soma è il corpo vissuto, il corpo abitato dalla presenza dell’Io, che viene reso vivo e attivo dalle esperienze emozionali, culturali e fisiologiche vissute da ogni persona.

Il Metodo è quindi un processo di rieducazione e di riapprendimento che ha come obiettivi quelli di aumentare la gamma di movimenti, migliorare la flessibilità e la coordinazione, e riscoprire le capacità personali innate per compiere movimenti efficienti, armoniosi ed esteticamente belli.

Il metodo prende il nome dal suo ideatore Moshe Feldenkrais, fisico brillante che mise a punto un metodo per migliorare il corpo attivando le naturali potenzialità del cervello e del sistema nervoso.

Le scoperte scientifiche hanno dimostrato che tutto il corpo viene organizzato e controllato dal cervello e dal sistema nervoso. Il motivo per cui i movimenti pensati da F. riescono a rendere le persone più vitali ed efficienti è che facilitano la comunicazione tra il cervello e il resto del corpo. Grazie a questa potente comunicazione, a livello fisico si possono verificare cambiamenti straordinari con riflessi particolari sull’efficienza e sulla velocità d’azione.

Per sfruttare la straordinaria capacità del corpo di perfezionarsi attraverso il meccanismo dell’apprendimento motorio sensoriale, il cervello deve avere l’opportunità di individuare e quindi ridurre tutti gli sforzi muscolari inutili o controproducenti che intervengono automaticamente nel movimento.

Ricerche nel campo della neurofisiologia hanno dimostrato che in presenza di un grosso sforzo muscolare, il cervello non è in grado di operare le distinzioni sensoriali necessarie a perfezionare l’organizzazione neuromuscolare. È per questo che la ginnastica convenzionale, basata sulla forza e sulla velocità, finisce in realtà per limitare l’interazione tra corpo e mente. Quando invece limitiamo al minimo lo sforzo muscolare, il cervello è libero di operare le necessarie distinzioni sensoriali.

Quindi il movimento, attraverso il quale si esprime il metodo, è lo strumento per sviluppare la consapevolezza di sé e dell’ambiente che ci circonda e per raggiungere un comportamento funzionale  in cui si possano integrare funzioni sensoriali, motorie, emotive e cognitive, e il miglioramento di tutto il nostro essere e agire.

Per Feldenkrais il movimento è alla base della vita, tutto ciò che è vivo si muove in qualche modo; riteneva che come ha livello corporeo l’uomo dovesse poter esprimere tutte le sue potenzialità, così a livello mentale e cognitivo una persona dovesse avere la capacità di una libertà di pensiero autentica in modo da poter valutare tutte le possibili cause e gli effetti di una scelta o di una presa di posizione, libera da forme prefissate di pensiero.

Attraverso la consapevolezza acquisita grazie al Metodo è possibile riprendere contatto con il proprio corpo (inteso come unione di mente e fisico) e di essere flessibili, saldi ed equilibrati allo stesso tempo sia nella mente che nel corpo. Nella ricerca di questo vero modo di essere bisogna ritrovare una curiosità che è tipica dei bambini, che ci porta ad esplorare le nostre potenzialità e ci stupisce delle reali capacità che abbiamo.

Il lavoro viene svolto in due modalità: una di gruppo chiamata “Consapevolezza attraverso il movimento”, ed una individuale chiamata “Integrazione Funzionale”.

Da sottolineare che questo metodo non è una ginnastica, non è una fisioterapia o psicoterapia, non è un massaggio, ma è un metodo per “imparare ad imparare”.

“CIO’ CHE VOGLIO OTTENERE NON E’ LA FLESSIBILITA’ DEL CORPO MA QUELLA DELLA MENTE”

-Moshe Feldenkrais-